utenti online

 23 visitatori online

Statistiche

Utenti : 12133
Contenuti : 2828
Link web : 1
Tot. visite contenuti : 2479024
Home Economia
Economia News
Fiat: Fiom, presidio operai davanti a Lingotto il 21 aprile PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 03 Aprile 2010 06:36


TORINO, 2 APR - I lavoratori del gruppo Fiat manifesteranno davanti al Lingotto di Torino in occasione della presentazione del piano industriale in programma il prossimo 21 aprile.
La mobilitazione e' organizzata dalla Fiom. ''L'iniziativa - spiegano Giorgio Airaudo, segretario generale Fiom Piemonte, e Federico Bellono, numero uno della Fiom di Torino - ha lo scopo di non fare passare sotto silenzio la condizione delle lavoratrici e dei lavoratori del gruppo Fiat che in molti stabilimenti, da Termini Imerese a Mirafiori, hanno contribuito alla tenuta del gruppo con molte ore di cassa integrazione che hanno defalcato salari gia' molto bassi''. (ANSA).

 
Lavoro: cassa integrazione marzo raddoppia su anno, +29% su mese PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 03 Aprile 2010 06:32

Nel corso mese di marzo sono state autorizzate 122,6 milioni di ore di cassa integrazione, con un incremento del 29% su febbraio e del 106,8% rispetto allo stesso periodo del 2009.

 

In dettaglio, sono state autorizzate 42,8 milioni ore per la cassa integrazione ordinaria (cigo), 52,6 milioni per la cassa integrazione straordinaria (cigs) e 27,2 milioni di ore autorizzate per la cassa integrazione in deroga.L'incremento rispetto allo scorso anno è dovuto sostanzialmente alla cigs (+333,8%) e alla deroga (non confrontabile con il dato di marzo 2009, quando ancora non erano scattati i nuovi strumenti di protezione, varati nell'aprile di un anno fa): la cigo è sostanzialmente in linea rispetto al marzo 2009 (+0,64%).Anzi, se depurata della componente edilizia (esposta agli eventi meteorologici), la cigo di marzo 2010, nel solo comparto industria, è inferiore del 2,56% rispetto a marzo 2009, scrive l'Inps...continua

"Il sistema di protezione steso sul mondo del lavoro sta andando a regime - commenta nella nota il presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua - gli ammortizzatori sociali sono utilizzati dalle aziende e il fatto che le autorizzazioni amministrative siano in crescita, a fronte delle richieste delle imprese, mostra la capacità del sistema di reagire di fronte alle necessità del mercato".Mastrapasqua precisa che tuttavia non tutte le ore sono effettivamente utilizzate. Nel corso del 2009, a fronte di oltre 900 milioni di ore di cig autorizzata, oltre il 40%, quasi 400mila ore, non è stato consumato.Diminuiscono inoltre sia le domande di disoccupazione sia quelle di mobilità: l'ultimo dato disponibile è relativo al mese di febbraio. A fronte della 89.000 domande di disoccupazione presentate nel febbraio 2009, nel febbraio di quest'anno le richieste di sono fermate a 75mila (-14,9%). Lieve la flessione anche per le domande di mobilità (-0,5%) rispetto allo scorso anno.

 

 
Il deficit italiano 2009 sale al 5,2%, il dato peggiore dal 1996 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 03 Aprile 2010 06:14

Il deficit italiano 2009 sale al 5,2%, il dato peggiore dal 1996

Roma, 3 apr. (Apcom) - Nel 2009 il rapporto deficit-Pil è schizzato al 5,2% in forte peggioramento rispetto al 2,7% del 2008: si tratta del dato peggiore dal 1996. A diffondere i dati è l'Istat nel 'Conto economico trimestrale delle Amministrazioni pubbliche' spiegando che si tratta di dati non destagionalizzati. Per la prima volta dal 1991, poi, il saldo primario (vale a dire la differenza tra entrate e uscite al netto degli interessi pagati sul debito pubblico) rispetto al Pil è risultato negativo e pari allo 0,6% (era +2,5% nel 2008). Male anche le entrate nel 2009, mentre la spesa pubblica cresce. Complessivamente, l'anno scorso, le entrate totali sono diminuite del 2%, mentre erano cresciute dello 0,9% nel 2008. Le uscite totali, nel 2009, hanno registrato un aumento del 3% contro il 3,5% del 2008. Includendo gli effetti degli swap, il rapporto deficit-Pil è salito nel 2009 al 5,3%: lo Stato italiano ha perso lo 0,07% in operazioni di swap. Le operazioni di swap appartengono alla categoria degli strumenti derivati e consistono nello scambio di flussi di cassa tra due controparti.

 

 
<< Inizio < Prec. 51 52 Succ. > Fine >>

Pagina 52 di 52